Ocean 3D

Ancistrus

ancistrus

L‘Ancistrus è un pesce d’acqua dolce tropicale appartenente alla famiglia dei Loricaridi.
In natura vive sui fondali dei fiumi Amazzonici con acque chiare e con forti correnti.
In acquario è il pesce pulitore per eccellenza, infatti con la sua caratteristica bocca a ventosa, per la sua dieta prevalentemente vegetale e una dimensione accettabile per quasi tutti gli acquari è uno dei pesci d’acqua dolce più considerati per aiutare a tener sotto controllo le alghe in acquario.

L’Ancistrus ha il corpo allungato e piatto sul ventre, ha squame coriacee sul dorso scuro con macchie chiare dove la pinna dorsale spicca irta di spine per difendersi dai predatori.
La bocca assomiglia ad una ventosa ed è rivolta verso il basso che funge anche da ancoraggio alle superfici.
E’ un animale pacifico ma in grado di farsi rispettare e convive con quasi tutti gli ospiti del nostro acquario.

Predilige acquari molto piantumati con legni e anfratti per nascondersi durante il giorno visto che l’Ancistrus è un pesce prevalentemente notturno come quasi tutti i pulitori da fondo e predilige nutrirsi indisturbato durante le ore di spegnimento delle luci in acquario.

L’Ancistrus è un pesce prevalentemente vegetariano, in particolare in giovane età, anche se da adulto gradisce variare la sua dieta con cibi più proteici.
Adora in particolare le cosiddette larve di zanzara (Chironomus)  o cibi da fondo con concentrazioni più alte di proteine.

La riproduzione in acquario non è difficile, in tanti anni di attività nei nostri acquari abbiamo assistito a moltissime riproduzioni.
Si tratta di una specie ovipara ed è il maschio a preparare il nido, in piccole fessure o cavità, sorvegliando le uova (fino a 200 con un diametro di pochi millimetri di color arancione) ed è sempre il maschio che pattuglia il nido curando gli avannotti nei primi giorni di vita.

Nell’Ancistrus adulto è facile distinguere il dimorfismo sessuale infatti il maschio sviluppa sulla testa delle escrescenze carnose più o meno ramificate mentre nella femmina sono assenti o minime.

Per quanto riguarda la nostra esperienza possiamo dirvi che è molto sensibile alla malattia dei cosiddetti “puntini bianchi quindi occhio agli sbalzi di temperatura durante i cambi d’acqua.